RAZZA: AKITA INU

Condividi:

Prima razza che affronteremo è proprio quella degli Akita Inu, cani molto conosciuti “grazie” al film che gli ha fatti spopolare ovvero “Hachiko”.. ma ricordiamoci che quello è un film.. Conosciamoli meglio grazie alla mia amica e collega Lucia Zanarotti, anche lei istruttore cinofilo ed esperta di questa razza, in quanto nel suo grande branco di cani, che ha ben due che poi vedrete sotto nelle foto, Sayuri e Kumiai, che gli hanno fatto conoscere il fantastico e complesso mondo degli Akita..

Cenni storici

Gli Akita di oggi sono un po’ diversi dai loro antenati, sono stati cacciatori, guardiani dei templi, cani da combattimento e hanno rischiato quasi l’estinzione. 

All’inizio del ‘900 i giapponesi ricominciano la selezione dell’Akita e nel 1931 la razza viene dichiarata monumento naturale dello stato.

 

Caratteristiche

Ha un’alta motivazione affiliativa, molto esclusiva, è un cane risoluto e riservato, estremamente leale e onesto, pretende e promette rispetto ma è capace di sorprendere con attenzioni sottili.

La motivazione comunicativa è essenziale, chiara e strigata che passa attraverso sguardi e lunghe distanze, utilizza spesso il ringhio per chiedere distanza e non ama ripetersi.

La motivazione territoriale è molto alta ed è alta anche la percezione visiva quindi potrebbe aver esternato quello che pensa già a 300 mt da voi e dal vostro cane, è consigliato fare in sua presenza la scelta giusta. Preferisce le grandi distanze e poco sopporta il contatto e la mancanza di vie di uscita. 

L’Akita è un vero Samurai con un’alta motivazione protettiva che si palesa quando il gruppo è in difficoltà o in pericolo.

E’ una razza di rara bellezza un po’ schiva che non ama essere accarezzata da tutti.

La motivazione sociale intraspecifica e interspecifica è bassa vale a dire che non tollera sempre gli altri esseri viventi, soprattutto quelli che hanno comportamenti irrispettosi, poco chiari e troppo eccitati. Anche la motivazione collaborativa non è spiccata perché all’Akita piace fare delle scelte è testardo e riflessivo ma se il progetto che si è deciso è condiviso da entrambi, è un ottimo compagno di avventura.

Può sembrare un cane pigro e svogliato ma inserito nei contesti giusti quali grandi spazi verdi o boschivi si attiva la sua motivazione predatoria e parte in perlustrazioni e inseguimenti, annusando minuziosamente il passaggio di qualche selvatico.

La sua motivazione competitiva e possessiva viene espressa nella vita e nel gioco ma se rispettata, compresa e guidata, sarà equilibrata.

Sono esseri ostinati e anche schizzinosi alcuni soggetti sono delicati di stomaco, il cibo non è la loro priorità e non scendono a compromessi con un biscotto.

L’Akita non è un cane per tutti, viene definito un cane difficile, ma se scegliete un Akita come compagno di vita, avete scelto di percorrere una strada precisa fatta di rispetto, di relazione, di condivisione, di regole e di riservatezza. Tanto il vostro legame sarà più intenso e profondo, tanto maggiore sarà la comprensione del suo “essere Akita”. 

                                                              

Per qualsiasi domanda o richiesta specifica potete contattarmi sulla pagina Fb: Camilla Meda -Dog Trainer o tramite mail: Milly30@hotmail.it

Condividi:

About Author

Operatrice ed educatrice ficss

Domande disattivate.

® Proprietà di Sei Di Gaggiano Se...