Home / Senza categoria / NUOVI TRENI VIVALTO SULLA MILANO-MORTARA

NUOVI TRENI VIVALTO SULLA MILANO-MORTARA

Articolo del
Condividi:

Abbiategrasso (Milano), 4 aprile 2019 – Sono in arrivo a giorni i nuovi treni sulla Milano-Mortara. A partire da questa settimana, Trenord dovrebbe iniziare la sostituzione di almeno tre degli otto convogli che giornalmente percorrono la linea. Benché la notizia non sia ancora ufficiale tutto lascia pensare che il conto alla rovescia sia ormai finito. Si tratta di treni “Vivalto” (nella foto) a due piani e dotati di 690 posti a sedere; ma soprattutto si tratta di treni che hanno circa dieci anni di età, un bel passo avanti rispetto a quelli attuali composti da locomotori e464 e carrozze a piano ribassato, che sfiorano i quarant’anni d’età e sono tra le principali cause dei disagi sulla linea, utilizzata ormai mediamente da oltre 20mila pendolari ogni giorno.

Le carrozze a piano ribassato, inizialmente verniciate in grigio ardesia, percorrono infatti la Milano-Mortara dalla metà degli Anni 60, quando si procedette all’elettrificazione della linea. La prima serie, nota come “tipo 1965”, presentava un impianto frenante a ceppi e l’alimentazione dei servizi ausiliari (riscaldamento, illuminazione ecc.) tramite generatore sull’asse: tali soluzioni (già obsolescenti al momento della costruzione) rendevano le carrozze rumorose e soggette a forti vibrazioni, a detrimento del comfort di viaggio. Ne sono stati prodotti 165 esemplari (di cui 20 semipilota); la seconda serie, progettata nel 1972, presentava notevoli migliorie: la frenatura adottava il sistema a disco calettato sugli assi, mentre l’alimentazione dei servizi ausiliari era affidata ad un gruppo statico Parizzi in luogo del generatore d’asse. Ne sono state prodotte oltre 800 tra rimorchiate e semipilota. Negli anni 2000 gran parte delle unità circolanti sono state ristrutturate (in gergo revampizzate) mediante riallestimento interno con nuovi sedili, nuova illuminazione e nuovi rivestimenti, sostituzione delle apparecchiature tecniche, eliminazione dei finestrini scorrevoli “a ghigliottina” in favore di nuovi a cristallo unico sigillato o con l’estremità superiore apribile “a compasso” e installazione dell’impianto di aria condizionata (a tal riguardo, giacché il pianale ribassato non lasciava spazio per montare i condizionatori sotto le carrozze, gli scambiatori furono installati sopra il tetto). Sulle carrozze semipilota si è altresì proceduto a ricostruire e ricarrozzare le cabine di guida, adottando un design più moderno ed aerodinamico, simile a quello dei locomotori e464 che solitamente vengono impiegati per movimentare i treni composti da tali vetture.

Vivalto è invece il nome attribuito a un tipo di carrozze passeggeri e semipilota, prodotte per i servizi regionali di Trenitalia (e successivamente di Trenord) e costruite a partire dai primi anni 2000. La prima serie è entrata in servizio nel 2005, seguita da una seconda serie nel 2012.  I treni Vivalto sono generalmente composti da una locomotiva e464, dalle 3 alle 5 carrozze Vivalto rimorchiate e da una carrozza Vivalto semipilota (oppure una seconda locomotiva e464. Per estensione viene chiamato Vivalto l’intero convoglio (locomotiva e carrozze sia rimorchiate che semipilota). Il nome Vivalto è dovuto all’unione delle parole Vivaldi e “alto”, riprendendo una terminologia musicale inizia con i treni Minuetto.

Entro un paio di settimane a partire dall’inizio di aprile 2019 tutti i nuovi treni Vivalto dovrebbero dunque entrare in servizio. Anche in questo caso non c’è l’ufficialità, ma pare che i Vivalto percorreranno 20 corse sulle 46 giornaliere, soprattutto nelle due fasce orarie di punta: quella del mattino (verso Milano) e quella del pomeriggio (verso Mortara). Trenord a quanto pare  sta mantenendo fede alla promessa fatta all’inizio di febbraio dall’amministratore delegato d Marco Piuri: “Siamo molto soddisfatti – ha dichiarato il vice presidente dell’associazione Mimoal, Franco Aggio – ma ci tengo a sottolineare che questi treni ci erano stati promessi tre anni fa dall’allora assessore regionale ai Trasporti, Alessandro Sorte, e abbiamo dovuto aspettare fino a oggi per vederli sulla linea”.

I Vivalto, comunque, sono convogli di Trenitalia revisionati e pensati proprio per il trasporto pendolare. Un altro passo avanti nella modernizzazione a breve termine della Milano-Mortara dopo i recenti interventi compiuti da Rete Ferroviaria Italiana per velocizzare i passaggi a livello di Abbiategrasso.

G. M.

Torna