Autore: Giulia Nepi

Giulia Nepi, avvocato del foro di Milano, fornisce assistenza e consulenza giudiziale e stragiudiziale ad aziende e privati in ambito civilistico, nonché in materia di data protection e adeguamento al Regolamento UE n. 2016/679.

Gli operatori di telemarketing sono legittimati a svolgere la propria attività nei confronti degli utenti che siano intestatari di un numero telefonico presente negli elenchi telefonici pubblici. Se si desidera evitare quest’attività, una strada possibile è quella di rivolgersi al proprio gestore telefonico e chiedere che la propria utenza venga resa “riservata” e dunque rimossa dagli elenchi. Tale soluzione può, tuttavia, risultare inopportuna per chi ha la necessità di rimanere sempre reperibile. In quest’ultima ipotesi  per porre un freno all’attività di marketing degli operatori c’è un’altra possibilità. Privati e aziende possono iscrivere il numero telefonico di cui sono intestatari, e…

Leggi...

Il DPCM 26 aprile 2020, ossia il provvedimento emanato dal Presidente Conte e diretto a disciplinare la cosiddetta fase 2, contiene disposizioni anche in ordine alle attività commerciali e produttive consentite e alle modalità di svolgimento delle stesse, ampliandone il numero rispetto al decreto del 10 aprile. Vediamole nel dettaglio, a cominciare dalle attività produttive. Dal 27 aprile è stata, anzitutto, prevista la ripresa delle aziende ritenute di rilevanza strategica per l’economia nazionale, ovverosia le aziende “orientate prevalentemente” all’export, nonché i cantieri dell’edilizia residenziale pubblica, scolastica, penitenziaria e quelli contro il rischio di dissesto idrogeologico. Dal 4 maggio è inoltre…

Leggi...

Zoom, l’app di videoconferenze più utilizzata durante il lockdown, deve il suo successo alla – possibile – gratuità dei servizi e alla facilità di utilizzo degli stessi. L’app è stata quotidianamente utilizzata in ambito aziendale, professionale, in ambito medico, didattico, sportivo e ludico. L’uso dell’app ha comportato lo scambio di un enorme quantità di dati aziendali, dati particolari, tra cui dati sanitari, e persino dati, immagini e audio di minori. Zoom esisteva e veniva utilizzata ben prima del lockdown, tuttavia, l’improvviso e inaspettato boom ha attirato l’attenzione di molti sulle numerose criticità dell’applicazione sotto i profili privacy e di sicurezza…

Leggi...